WebSeo Slider Image
WebSeo
Quanto è colorito il nostro dialetto! Quanti segreti nascosti nelle parole, quanti “detti” che...
WebSeo
2018-12-06 18:24:05
WebSeo logo

Blog


- Owner - Pubblicato il

Il dialetto siciliano

  • photo



Quanto è colorito il nostro dialetto! 
Quanti segreti nascosti nelle parole, quanti “detti” che risultano intraducibili perché perderebbero il loro significato originario, che musica nelle parole… profumi antichi che ci riportano bambini…
Influenze arabe, latine, greche, spagnole, francesi; mi diverte l’idea di elencarne qualcuna:

(Castigliano)

Ajeri – Ieri – Ajer
Cucchiara – Cucchiaio – Cuchara
Curria – Cinghia – Correa
Isari – Alzare – Izar
Scupetta – Fucile – Escopeta
Palumma – Colomba – Paloma
Simana – Settimana – Semana

(Francese)

Addumàri – Accendere – Allumer
Munzeddu – Mucchio – Moncel
Raggia – rabbia – Rage
Trùscia – Fagotto – Trousse



(Greco)

Annacàri – Cullare – Naka
Lippu – Grasso – Lipos
Babbiàri – Scherzare – Babazo
Càntaru – Vaso da notte – Kantaros
Gèbbia – Vasca – Gebya


(Latino)

Antùra – Poco fa – Ante horam
‘Nzémmula – Insieme – In simul
Tannu – Tempo fa – Tandiu


(Arabo)

Càlia – Ceci abbrustoliti – Haliah
Giùmmu – Pennacchio – Giummah
Balàta – Lastradi pietra – Balat
Arrassàri – Allontanare – Arata


Il dialetto siciliano ha una ricchezza non del tutto annoverata, perché ancora esclusa dalle minoranze linguistiche storiche; è attualmente in corso una petizione che mi auguro possa rendere giustizia ad un dialetto meritevole di tale riconoscimento.


 

Postato in: Generale

ARTICOLI CORRELATI